forum d'ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni

REGISTRATEVI per ricevere via e-mail gli ultimi aggiornamenti
 
IndicePortaleGalleriaFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 barzellette per ingegneri

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
gauss
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 966
Età : 31
corso di laurea : tlc 2006
Data d'iscrizione : 08.07.07

MessaggioTitolo: barzellette per ingegneri   Mar 10 Lug 2007, 15:17

Gesù ai discepoli: "In verità, in verità vi dico: y=5x2-4x+7".
I discepoli commentano un po' fra di loro, poi Pietro si avvicina
mestamente a Gesù, dicendogli: "Maestro, perdonaci, ma non comprendiamo il
tuo insegnamento..." E Gesù, arrabbiato: "Sciocchi, è una parabola!"

Che cos'è un orso polare?
E' un orso rettangolare che ha cambiato coordinate!

Cosa dice un vettore ad un altro?
"Scusa, hai un momento?..."



Cos'è un bimbo complessato?
Un bimbo di madre reale e padre immaginario!



Al cinema c'è un film con 3 vettori linearmente indipendenti. Come si chiama il film?
"Rango 3"



Al cinema fanno un film con 2 sistemi lineari incompatibili. Come s'intitola il film?
"Kramer contro Kramer"


"Ma tutto cio' e' immaginario" disse il radicale puntando l'indice accusatore su menouno;
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://zdarova.it
gauss
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 966
Età : 31
corso di laurea : tlc 2006
Data d'iscrizione : 08.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Mar 10 Lug 2007, 15:54

Un scienziato russo fa un esperimento. Prende nelle sue mani un sasso
ed una lampadina tascabile accesa e lascia cadere contemporaneamente i
due oggetti nella vasca da bagno piena di acqua. Poi nota che questi
oggetti toccano il fondo della vasca nello stesso tempo. Dopo aver
riflettuto descrive il risultato della sua ricerca: - Il sasso si muove
nell'acqua alla velocità della luce.

Uno statistico può mettere la testa nel forno e i piedi nel ghiaccio e dire che in media si sente bene.

Un turista chiede ad un passante: "Scusi, mi saprebbe dire la strada per il centro?". Ed il passante: "Prima mediana a destra". ;)


Inizio dell'atto di dolore dell'ingegnere elettronico: Mio diodo, mi pentodo dei miei peccatodi...;

Una funzione ne incontra un'altra dopo tanto tempo che non si vedevano;
la prima fa all'altra: "Come va?" e l'altra risponde: " a Lagrange! E
tu?" "Eh Cauchy Cauchy";

La carica elettrica incontra un giorno il campo elettrico e lo
supplica: "Dai, sposiamoci!" Ma il campo risponde "Non funzionerebbe:
tra di noi ci sono troppe divergenze!!!" (divergenza di E = ro/epsilon);
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://zdarova.it
Anthony
silver
silver
avatar

Numero di messaggi : 238
Età : 29
corso di laurea : Studente
Data d'iscrizione : 09.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Dom 15 Lug 2007, 02:45

Anche io devo fare la mia figura Razz : Il comune di Ginevra organizza una maratona di beneficienza a cui partecipano tutti i più grandi fisici del mondo!!! Ogni fisico, dopo essere stato presentato, deve posizionarsi su un quadrato di lato 1 metro prima di partire per la foto!! Prima Einstein poi Gauss poi Faraday poi Coriolis poi Galileo poi Uguzzoni poi Villa (ahahhahah) e poi un uomo che agli occhi del presentatore sembra proprio Newton ma dopo la foto egli esclama: NON SONO NEWTON!!! SONO NEWTON SU METROQUADRO!!! SONO PASCAL!!! ahuahauahhuhauauahuaauhuahau beh è troppo tardi meglio se vado a dormire ora!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
gauss
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 966
Età : 31
corso di laurea : tlc 2006
Data d'iscrizione : 08.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Gio 22 Nov 2007, 02:23



Esame di
Fisica

I)
Il ragazzo
interrogato afferma, in stato confusionale, che l'accelerazione di gravita' vale
9,81 cm al secondo quadro (Invece che 9,81 m/s²). Il Professore gli dice
autoritario:'Salga sul tavolo'. 'Come?' - ribatte il ragazzo. Il professore
sicuro: 'Salga sul tavolo, prego'. Il ragazzo emozionato e intontito dalla
pressione da esame sale sul tavolo davanti a una quarantina di persone che
seguono l'orale. 'Salti!' ordina il professore. Il ragazzo salta giù dal tavolo.
Il professore fa uno scatto come fosse stato colto da sorpresa 'Ma come? Già e'
atterrato?'

II)
Il Professore lancia un mazzo di
chiavi in aria (o allo studente) e gli chiede: 'Che tipo di moto è questo?'. Lo
studente afferra le chiavi e le rilancia al Professore, rispondendo: 'Lo stesso
di questo!'.

III)
Premessa.. La formula cinematica
della caduta dei gravi è h = -1/2 g t². Il segno di questa formula dipende dal
sistema di riferimento che si sceglie. Se non si è coerenti, si rischia di
descrivere una situazione in cui lanciando un oggetto esso va spontaneamente
verso l'alto.

Il Professore chiede: 'Mi scriva l'equazione della caduta
dei gravi'. L'allievo sbaglia il segno nel suo sistema di riferimento. Il
professore lancia il libretto dalla finestra ed esclama: 'Ora lo recuperi al
piano di sopra e torni il mese prossimo!' .

Versione segnalata da Diego
Perin:
Uno studente d'ingegneria a Trieste ad un esame orale di Fisica non si
accorge di aver considerato, in un passaggio della sua esposizione, la forza di
gravita' con il verso sbagliato, cioe' gli risulterebbe repulsiva anziche'
attrattiva. Il professore lo lascia terminare, gli chiede il libretto, ma invece
di registrargli il voto lo lancia fuori dalla finestra per poi aggiungere
seccato '...e adesso puo' andare a recuperarlo al piano
superiore!'

Versione segnalata da Tommaso Raiola:
Una procace
studentessa sta affrontando l'esame di Fisica. Il professore le chiede: 'Verso
quale direzione agisce la forza di gravità, verso il basso o verso l'alto?' La
fanciulla, con fare da civetta, dopo essersi guardata un pò attorno, risponde
candidamente: 'Verso l'alto!'. E il professore, afferrando il libretto degli
esami e scagliandolo fuori dalla finestra: 'E allora questo vada a riprenderselo
al piano di sopra!'

IV)
Un professore di Fisica è
conosciuto per le sue tremende domande sui flussi. Si racconta che in sede
d'esame sia avvenuto il seguente dialogo:
Professore: Immagini di trovarsi su un
treno che viaggia a velocità costante, d'estate, senza l'aria condizionata, alle
due del pomeriggio. Il finestrino è chiuso e c'è un caldo da scoppiare. Che cosa
fa?
Studente: Mi tolgo la
maglietta.
Professore: Sì, ma
c'è ancora caldo. Che cosa fa?
Studente: Mi tolgo anche i pantaloni.

Professore: Ma c'è ancora caldo.
Che cosa fa?
Studente: Potrei
anche togliermi le mutande, ma quel finestrino non glielo apro neanche morto!


In alcuni racconti il dialogo avviene al secondo orale dello studente in
questione, dopo che la prima volta è stato mandato via proprio per aver
sbagliato il calcolo del flusso derivante dall'aver aperto il finestrino. In
altri racconti la domanda non è sul flusso dell'aria, ma sulla variazione di
entropia derivante dalla diminuzione di temperatura dello
scompartimento.



L'inferno è
esotermico?

Un nostro amico ci ha
inviato questa divertente storiella, aggiungendo che sarebbe successa davvero al
Corso di Laurea in Ingegneria dell'Università di Genova. Sicuramente è una
leggenda metropolitana, tendente alla barzelletta, ma altrettanto sicuramente è
veramente simpatica.

Un professore di termodinamica ha assegnato
un'esercitazione a casa agli studenti del suo corso dilaurea. Il compito
consisteva in una domanda: 'L'inferno è esotermico o endotermico'? sostenete la
risposta con delle prove.
La maggior parte degli studenti hanno cercato di
dimostrare le proprie convinzioni citando la legge di Boyle - un gas si
raffredda quando si espande e si riscalda quando viene compresso - o alcune sue
varianti. Uno di loro, tuttavia, ha scritto quanto segue:

'Innanzitutto,
dobbiamo sapere come cambia nel tempo la massa dell'inferno. E quindi abbiamo
bisogno di stabilire i tassi di entrata e uscita dall'inferno delle anime. Credo
che possiamo tranquillamente assumere che, quando un'anima entra all'inferno,
non è destinata ad uscirne. Quindi, nessun anima esce. Per quanto riguarda il
numero delle anime che fanno il loro ingresso all'inferno, prendiamo in
considerazione le diverse religioni attualmente esistenti al mondo. Un numero
significativo di esse sostiene che se non sei un membro di quella stessa
religione andrai all'inferno. Siccome di queste religioni ce n'è più di una, e
visto che le persone abbracciano una sola fede per volta, possiamo dedurne che
tutte le persone e tutte le anime finiscono all'inferno.
Dunque, stanti gli
attuali tassi di natalità e mortalità della popolazione mondiale, possiamo
attenderci una crescita esponenziale del numero di anime presenti
all'inferno.
Ora rivolgiamo l'attenzione al tasso di espansione dell'inferno,
poiché la legge di Boyle afferma che, per mantenere stabile la temperatura e la
pressione dentro l'inferno, il volume dello stesso deve crescere
proporzionalmente all'ingresso delle anime.
Questo ci da due
possibilità:
1. Se l'inferno si espande a una velocità minore di quella
dell'ingresso delle anime, allora temperatura e pressione saranno destinate a
crescere, fino a farlo esplodere;
2. Naturalmente se l'inferno si espande più
velocemente del tasso d'ingresso delle anime, allora temperatura e pressione
scenderanno fino a quando l'inferno non si congelerà.
Dunque, quale delle due
è l'ipotesi corretta? Se accettiamo il postulato comunicatomi dalla signorina
Teresa Baghini durante il mio primo anno all'università, secondo il quale: '
farà molto freddo all'inferno prima che io te la dia', e considerato che ancora
non ho avuto successo nel tentativo di avere una relazione sessuale con Lei,
allora l'ipotesi 2 non può essere vera. Quindi l'inferno è
esotermico'.

Lo studente ha preso l'unico
30.




Esame di
Ingegneria

I)
Il docente
consegna allo studente una lampadina e gli domanda: 'Quanto consuma?' Lo
studente legge le scritte sulla lampadina e dice '60 Watt.' Il docente allora
gli dice: 'No, in mano sua non consuma proprio un bel niente. Ritorni la
prossima volta.'


II)
Una giovane e bella
studentessa va alla lavagna per sostenere l'esame di Idraulica. Il professore le
dà un gesso in mano, quindi dice: 'Bene, signorina, dunque, vediamo un po'...
Ecco, sì, mi faccia una pompa!'.
L'aula è esplosa in quasi un minuto
d'orologio di applausi e grida varie.




Esame di
Matematica

I)
Professore: Mi faccia il ciclo di Carnot.

Studente: (disegna un cerchio
sul foglio)
Professore: Hmmm...
bene... ne faccia un altro vicino.
Studente: (disegna un altro cerchio a fianco del
primo)
Professore: Bene... unisca
i centri dei due cicli con una retta.
Studente: (disegna la retta)
Professore: Molto bene! Ora prenda il suo biciclo
di Carnot e se ne vada.


II) Esame di
analisi 1
Premessa:
molti teoremi di matematica esordiscono con il classico incipit 'Dato un E
(epsilon) piccolo a piacere, è possibile dimostrare che...', dove con E piccolo
a piacere si usa indicare un parametro che può raggiungere valori piccolissimi
ma comunque diversi da zero.

Studente: 'Sia dato un tre piccolo a piacere, è
possibile dimostrare che...'
Professore (allibito): 'Prego? sia dato
cosa?'
Studente: 'Un tre piccolo
a piacere, no?'
Professore: 'Ma
guardi che questo (disegnandolo) è un epsilon, non un tre!'
Studente: 'E pensare che l'ho corretto su tutto il
libro!'
Professore: 'Faccia una
cosa, ora se ne vada e torni quando lo ha corretto tutto di nuovo...'

A
questo aneddoto, universalmente noto e dato per accaduto un po' in tutte le
facoltà tecniche, si associa anche la seguente variante:
Studente: 'Sia dato un e piccolo a piacere, è
possibile dimostrare che...'
Professore: 'Sì, vabbè, ma piccolo
quanto?'
Studente (incerto): 'A
piacere...'
Professore: 'Allora
me lo faccia più piccolo.'
Lo studente, evidentemente in stato confusionale,
traccia un e di dimensioni minori.
Professore: 'No, lo faccia ancora più
piccolo...'
Lo studente ha continuato a scrivere e micrometrici per un bel
pezzo, prima di ammettere sconsolato che forse la sua preparazione lamentava
qualche lacuna.




Lei non sa chi
sono io


Un professore di chimica
sovrintende ad un importante esame scritto. E' un docente molto esigente e anche
un po' stronzo. Ha detto agli studenti che devono smettere di scrivere quando ci
sarà il segnale, e quelli che non smetteranno saranno automaticamente
bocciati.L'aula è un grande auditorium dove sono riuniti gli studenti di
chimica, biologia, etc. Alla fine tutti gli studenti tranne uno smettono così
come è stato detto loro. Un unico studente continua furiosamente a scrivere per
circa mezzo minuto fino a quando viene interrotto dal professore che gli dice
che è stato bocciato.

Lo studente va davanti alla cattedra con il suo
protocollo cercando di obiettare, ma il professore è inflessibile, così alla
fine lo studente assume un'aria arrogante e dice: 'Lei sa chi sono io?'. Il
professore sogghigna e dice: 'No, e comunque non conta'. A questo punto lo
studente ribatte: 'Ottimo!'. E dopo aver ficcato il suo protocollo in mezzo a
quelli già consegnati, corre fuori dall'aula.



Esame di
Geometria

Esame di Geometria. La
professoressa, dopo varie domande a cui lo studente non ha risposto dice: 'Mi
disegni una retta sulla lavagna'. Lo studente comincia ma poi si interrompe e la
Prof.: 'Continui e non si fermi'. Lo studente ribatte: 'Ma professoressa, la
lavagna e' finita'. E la prof di rimando: 'Continua lungo tutte e 4 le
lavagne... continua così lungo il muro fino alla porta... esci e continua così
fino a casa...

Lo studente se ne va, continuando a disegnare col gesso
sul muro. Tutti pensano sia un gesto di stizza, ma dopo qualche minuto si sente
bussare dall'altra porta dell'aula (quella opposta all'uscita dello studente).
Tutti ammutoliscono. La porta si apre, ed entra lo studente di prima, ancora col
gesso attaccato al muro (l'edificio della facoltà aveva una pianta circolare).
Disegna la linea finché non si ricollega a quella da lui incominciata sulla
lavagna, e blatera qualcosa del tipo 'C'e' chi dice che estendendo una retta
all'infinito si ripieghi su se stessa formando un cerchio'. Promosso.

_________________
gauss è stato licenziato, zdarova è admin adesso
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://zdarova.it
romagna mia
Platinum
Platinum
avatar

Numero di messaggi : 386
Età : 30
corso di laurea : perdo tempo
Data d'iscrizione : 09.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Gio 22 Nov 2007, 19:12

Facolta' di ingegneria; il figlio di un professore deve sostenere l'esame di fisica con un collega del padre. L'esito sembra quasi scontato, ma... incredibile, il giovane non sa una benemerita mazza. Una domanda dopo l'altra e il professore, davanti a testimoni, non sa proprio che fare per dare quella promozione promessa. Alla fine ricorre a domande da terza media per far dare al ragazzo almeno una risposta:

Prof> Allora prendiamo in considerazione un asse e poggiamolo su un...?
Stud> ...
Prof> FULCRO, naturalmente. Abbiamo così una...?
Stud> ...
Prof> LEVA, come ben sai! Allora, se io metto un carico ad una estremita' della leva, che succede?

lo studente ormai scazzato per quel trattamento sfacciatamente di favore:

Stud> ci metto la briscola...
Prof> MA ALLORA IO TI BOCCIO!!!!!!
Stud> vabbe', allora ci vado liscio.

_________________
GAUSS LE DOPPIEEEEEEEEEE!!!!! e la FOTOOOOOOOOOOOOOO!!!!

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
gauss
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 966
Età : 31
corso di laurea : tlc 2006
Data d'iscrizione : 08.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Gio 27 Dic 2007, 19:02

Un studente d'ingegneria nella parochia, adormentato sulla sedia , mentre il prete lo vede e chiede:
- Cos'è la Forza Divina?
E lui rispose:
- E' la massa divina per l'accelerazione divina.

_________________
gauss è stato licenziato, zdarova è admin adesso
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://zdarova.it
gauss
Moderatore
Moderatore
avatar

Numero di messaggi : 966
Età : 31
corso di laurea : tlc 2006
Data d'iscrizione : 08.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Gio 27 Dic 2007, 19:15

I archeologi francezi hanno trovato scavando a 25 metri, 4 fili di rame, cosi hanno concluso che i gali avevano una rete sottoterranea di telefonia. Ad una sorpresa come questa, anche i tedeschi hanno scavato, trovando a 50 metri resti di filo vetro, concludendo che anche loro hanno avuto una rete di fibra ottica nel periodo antico.Italiani, hanno scavato anche a 150 metri, ma non hanno trovato nulla. Cosi hanno concluso che i romani usarano i cellulari.

p.s. Da corregere cari miei ...Very Happy

_________________
gauss è stato licenziato, zdarova è admin adesso
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://zdarova.it
Andy
silver
silver
avatar

Numero di messaggi : 179
Età : 30
corso di laurea : elettronica 2006
Data d'iscrizione : 09.07.07

MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   Gio 27 Dic 2007, 22:40

Questione di opinioni -
Per una persona ottimista, il bicchiere è pieno a metà.
Per una persona pessimista, è vuoto a metà.
Per l'ingegnere, è due volte più grande del necessario.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: barzellette per ingegneri   

Tornare in alto Andare in basso
 
barzellette per ingegneri
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Barzellette/ Video / vignette sulla scuola :))
» call center sistri- barzellette
» Barzellette argomenti vari
» Lunga serie di barzellette
» Video - Paperino nel Mondo della Matemagica (1959)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
forum d'ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni :: di tutto per tutti-
Andare verso: